mail-icon
FaceBook-icon Twitter-icon google Youtube-icon ustream Zello3mail-icon
movimento 5 stelle
MoViChat

Il finanziamento pubblico ai partiti è morto ??

2013-06-01_122054Il dio denaro ha vinto ancora una volta. Chi sperava nel veder sparire i ” finanziamenti pubblici ai partiti” o ”rimborsi elettorali” o “chiamateli come vi pare”, rimarrà deluso. Da tanto si parla di eliminarli, se ne sono scritte,dette e promesse di tutti i colori. E’ stato fatto un referendum popolare che ha evidenziato chiaramente il parere contrario del popolo a tale pratica. Ma niente. Adesso si dice che lo si voglia eliminare ma, di fatto, questo è il risultato:

 

 

 

CLAMOROSO. Finanziamento ai partiti, il governo inventa oggi una legge-truffa. I cittadini continueranno a foraggiare i partiti con un trucco stile “8 per mille”. Dal finanziamento pubblico, al finanziamento privato obbligatorio.

Il ddl di modifica della legge sui rimborsi elettorali è un vittoria morale per il MoVimento 5 Stelle che ha imposto l’agenda politica al Governo, ma è una “legge-truffa”, una presa in giro per i cittadini che continueranno a pagare per far campare i partiti. Di fatto a riempire le casse delle forze politiche saranno sempre gli italiani tramite risorse che saranno sottratte al bilancio dello Stato. Così i deputati del M5S alla Camera si esprimono sul testo uscito dall’odierno Consiglio dei ministri.

Non solo il finanziamento ai partiti non avrà efficacia hic et nunc, come invece previsto dalla proposta di legge a 5 stelle, dato che si spalma su tre anni, ma con la misura sull’inoptato i partiti imporranno una sorta di prelievo forzoso ai contribuenti. Proprio come accade con l’otto per mille alla Chiesa, infatti, il due per mille non espressamente destinato alle forze politiche sarà comunque distribuito ai partiti, entro una certa quota, in modo proporzionale rispetto alle somme stanziate in via esplicita.

Equivale a dire: “O me li dai o li prendo da me”. In questo modo le forze della maggioranza tentano di salvare le penne. Sanno bene, infatti, che se i cittadini potessero decidere in piena libertà, lascerebbero questi partiti a bocca asciutta.

Con il provvedimento odierno il governo fa la voce grossa, caccia il finanziamento pubblico dalla porta e poi lo fa gentilmente rientrare dalla finestra con tante scuse. E lo definisce esplicitamente “finanziamento pubblico”. Ma come? Non era stato abrogato e sostituito con un referendum vent’anni fa? Il MoVimento 5 Stelle annuncia proteste clamorose. Il contributo NON è volontario: si spartiscono in seguito la torta di chi non ha indicato alcun partito.

Montecitorio Cinque Stelle FB

Leggetevi pure questo articolo del corriere della sera.. Illuminante

 

 

Inserisci la tua email per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche dei nuovi articoli via email





WordPress theme: Kippis 1.15

Hit Counter provided by Curio cabinets