mail-icon
FaceBook-icon Twitter-icon google Youtube-icon ustream Zello3mail-icon
movimento 5 stelle
MoViChat

In arrivo la piattaforma informatica a 5 Stelle

computer1

L’ultimo post è stato provocatoriamente inserito per anticipare quello che a mio avviso è stato il punto centrale del meeting a Villa Valente con Beppe. Ci stiamo preparando a un qualcosa d’incredibile, noi del movimento abbiamo tutto il mondo che osserva, tra un paio di mesi sarà avviata la “piattaforma informatica” che permetterà a tutti gli attivisti 5 stelle di intervenire direttamente nella stesura e controllo delle proposte di legge, al mondo esistono già ora esempi di questo tipo che riguardano piccoli paesi come l’Islanda, ma nel nostro caso assisteremo a ripercussioni di livello planetario.
COME FUNZIONA: produrre le specifiche di un software di questo tipo necessita la profonda conoscenza delle dinamiche sociali e di pensiero interne al movimento.
Ci saranno due canali di comunicazione 1) dal gruppo parlamentare alla base 2) dalla base al gruppo parlamentare.
Il primo punto risponde alla necessità di partecipazione delle iniziative di legge da presentare alle camere, le commissioni che avranno preparato i testi di legge sottoporranno i medesimi alla valutazione della base, che potrà valutarli in apposite “stanze virtuali” ovviamente in corrispondenza con le commissioni permanenti dove si potranno fare 3 tipi di osservazioni; procedurale, sostanziale formale, in modo tale che ogni singolo contributo abbia già una sua collocazione, tutti i contributi saranno posti all’attenzione di un referente per commissione permanente in grado di valutare l’opinione della base sul punto specifico.
Viceversa dalla base al gruppo parlamentare, deve rispondere all’esigenza in cui la base come da statuto possa proporre testi di legge da discutere direttamente nelle camere se votate del 20% degli iscritti certificati al movimento, questo avverrà sempre tramite le stanze virtuali, le singole idee dovranno acquisire consenso dalla base di attivisti, ci saranno vari livelli di “consenso/attenzione” fino ad un livello massimo prestabilito, a questo punto la proposta sarà messa ai voti.. se acquisirà il 20% dei consensi sarà sottoposta alle commissioni permanenti.. e noi dipendenti deputati saremo obbligati a far partire l’iter legislativo.
Questo strumento sarà a vostra disposizione tra circa 2 o 3 mesi.. abbiamo bisogno prima di capire a fondo il funzionamento di entrambi i rami del parlamento e le varie fasi di “nascita di una legge”…
come dire .. prima la teoria e poi la pratica …

provate ora a immaginare e sognare … se la base composta ad esempio da 500 mila utenti, decida in completa trasparenza di non concedere un appalto o non approvare un bilancio a causa di palesi infiltrazioni mafiose….
Cosa faranno?? ci ammazzeranno tutti e 500 mila??

 

Cosimo Petraroli

 

 

 

Inserisci la tua email per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche dei nuovi articoli via email





WordPress theme: Kippis 1.15

Hit Counter provided by Curio cabinets